Come difendersi dal caldo in casa

A causa dei cambiamenti climatici, diventa sempre più importante capire come difendersi dal caldo in casa, anche in zone dove tradizionalmente non si aveva questo tipo di problema.

Oggi vedremo quali accortezze usare quotidianamente e, in caso di ristrutturazione, ci faremo anche ispirare dall’architettura tipica di luoghi che con il caldo ci combattono da sempre.

 

Come difendersi dal caldo in casa in fase di ristrutturazione o nuova costruzione

Posizionare le finestre in modo strategico. Cerca di prevedere le finestre in modo da facilitare il ricircolo dell’aria e lo sfruttamento dei venti dominanti. Evita grandi vetrate esposte a Sud.

Scegliere bene il colore delle pareti esterne. I colori scuri tendono ad accumulare più calore, lo sanno bene i proprietari delle elegantissime auto nere… dunque è sempre meglio preferire tonalità chiare e fredde perché riflettono meglio i raggi solari.

Isolare e ventilare le pareti. Le antiche costruzioni rurali prevedevano spessi muri in pietra, ottimi per ripararsi sia dal caldo l’estate, che dal freddo l’inverno. Nelle case moderne, spesso si opta per il cosiddetto cappotto esterno, uno strato isolante applicato al di sopra dei muri esistenti. Oltre all’isolamento però, si può anche optare per l’utilizzo di intercapedini di aria, nelle pareti e nel tetto, che permettano al vento di rinfrescare le superfici e contrastare l’accumulo di calore.

Sfruttare sistemi ombreggianti. Se non puoi intervenire nella disposizione delle finestre e dell’isolamento esterno, il modo più semplice per difendersi dal caldo è installare infissi con vetrocamera e filtro UV corredati da persiane o, se preferisci, tapparelle che impediscano al calore di raggiungere gli ambienti in cui viviamo, risparmiando anche sull’utilizzo di condizionatori e ventilatori.

 

Le buone abitudini quotidiane per difendersi dal caldo in casa

Abbigliamento e biancheria per la casa in cotone o lino. La traspirazione è una funzione importantissima per il nostro corpo, specie d’estate. Cerca quindi di evitare tessuti sintetici a contatto con il corpo, prediligi un abbigliamento comodo e fresco, che lasci respirare la pelle. Lo stesso discorso vale per le lenzuola e i copridivano, l’unico modo per evitare di svegliarci in un bagno di sudore.

L’importanza dell’idratazione. Essere sempre idratati è fondamentale per permettere al nostro corpo di raffreddarsi attraverso la sudorazione. Nonostante si tenda a pensare che sia meglio bere acqua fredda, in realtà la scelta migliore per reidratare le cellule è berla a temperatura ambiente. Non ci si idrata solo con l’acqua però, infatti è consigliabile preferire verdure crude e frutta di stagione (cibi idratanti) rispetto a insaccati e bevande zuccherate/alcol (cibi disidratanti).

Doccia fredda. L’acqua fredda può essere invece molto utile nel caso di una doccia, a patto di non essere in fase digestiva, perché ci aiuta ad abbassare la temperatura corporea velocemente e attiva la circolazione.

La lotta agli insetti nocivi. Iniseme al caldo, arriva un altro nemico che disturba la serenità, il riposo e ultimamente anche la nostra salute (vedi il virus West Nile). Una soluzione molto semplice per contrastare questi fastidiosi insetti, prevede l’installazione di zanzariere su tutte le porte e finestre della casa. Nel caso di balconi o giardini, la cosa migliore è evitare il ristagno dell’acqua nei vasi e la scelta di piante repellenti come citronella, menta, basilico, gerani, lavanda e rosmarino.

Ventilatori e condizionatori. Si tratta della soluzione più comoda e utilizzata, però nasconde delle insidie per la nostra salute. Per evitare problemi, sarebbe meglio che il getto d’aria di questi due elettrodomestici non sia mai diretto verso di noi, piuttosto dovrebbe servire per raffreddare gli ambienti e favorire il ricircolo d’aria in maniera non troppo violenta.

Ore calde e ore fresche. Cerca di facilitare il lavoro della natura, quando possibile. Se puoi organizzare i tuoi orari autonomamente, fai in modo di svegliarti presto e svolgere le attività che richiedono più energia nelle prime ore del mattino o della sera, approfitta anche di questi orari per arieggiare la casa aprendo le finestre. Nelle ore più calde utilizza tutte le protezioni possibili per non far riscaldare la casa: chiudi finestre, tapparelle, persiane e tende, specialmente nei casi di irraggiamento diretto. Se esci di casa presto per lavoro, arieggia la casa appena sveglio e poi chiudi tutto prima di uscire.

 

Speriamo che questi consigli possano essere utili per difenderti meglio dal caldo in casa. Quale adotterai da subito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *